MONOPATTINO ELETTRICO – QUALE SCEGLIERE

 

Monopattino elettrico

 

Classifica 2019 dei monopattini elettrici più venduti su Amazon

 


Caratteristiche – Cosa guardare

I più venduti su amazon

Ricapitolando


 

Xiaomi M365
Xiaomi M365Pro
Segway ES1
Segway ES2
Revoe
Megawheels
Razor E90
Prezzo
400 €
500 €
400 €
480 €
220 €
200 €
120 €
Punteggio
9,2
9,2
8,6
8,4
6,8
8,2
8,4
Velocità
25 km/h
25 km/h
20-25 km/h
25-30 km/h
20 km/h
23 km/h
16 km/h
Autonomia
20 km
30 km
17-30 km
17-30 km
10 km
9 km
80 minuti
Ricarica
5:30
8:30
3:30 - 7:00
3:30 - 7:00
3:00
3:00
12:00
Peso
12,2 kg
14,2 kg
11,3 kg
12,5 kg
9,5 kg
8,2 kg
9 kg
Batteria 2
/
/
200 €
200 €
/
/
/
Ruote
Tube
Tube
Piene
Piene
Piene
Piene
Piene
Ruote Ø
22 cm
22 cm
20 cm
20 cm
16 cm
14 cm
/
Freno ant.
Rigenerativo
Rigenerativo
Rigenerativo
Rigenerativo
Rigenerativo
Rigenerativo
Meccanico
Freno pos.
Disco
Disco
Parafanghi
Parafanghi
Parafanghi
Parafanghi
/
Ammortizzatori
/
/
1
2
1
/
/
Potenza
250 W
300 W
250 W
300 W
250 W
250 W
/
Carica
7,8 Ah
12,8 Ah
5,2 Ah
5,2 Ah
4,4 Ah
4 Ah
/
Pendenza
14%
20%
10%
10%
10%
15%
/
Età
+14
+14
+14
+14
+5
+13
8-13

 

CARATTERISTICHE  – COSA GUARDARE

 

Batteria

Forse l’argomento più importante per la scelta di un monopattino elettrico. Da essa dipendono l’autonomia, il tempo di ricarica, la velocità massima, l’accelerazione e il peso.

A proposito dell’autonomia, bisogna fare molta attenzione a ciò che dichiarano le aziende produttrici e alle opinioni dei consumatori.
Per esempio se l’autonomia dichiarata è 30 km, solitamente l’autonomia reale è solo 20 km. Perché?
Perché non siamo sempre persone leggerissime, perché ci fermiamo ai semafori e alle strisce, perché le strade non sono perfettamente lisce e pianeggianti… Per tutte queste cose l’autonomia si abbassa di circa un terzo.

Vorrei anche ricordare un paio di unità di misura, nel caso ci trovassimo a leggerle e confrontarle:
Amperora (Ah) = la carica massima della batteria, più è alta più la carica durerà a lungo
Watt (W) = potenza massima, più è alta maggiori saranno velocità e accelerazione.

Ruote

Le ruote si differenziano per tipologia e dimensioni.

Prima di tutto possono essere piene o con la camera d’aria.
Nel primo caso abbiamo il vantaggio che non bucheremo mai una gomma, d’altra parte sono più pesanti e trasmettono molte più vibrazioni al manubrio rendendo la guida meno confortevole. Le ruote con la camera d’aria invece sono più leggere e si guidano meglio, ma mettiamo subito in conto che un giorno o l’altro bucheremo, e se stiamo andando al lavoro non è proprio una bella cosa.

Anche le dimensioni delle ruote vanno considerate se vogliamo un mezzo dalla guida stabile e comoda: più le ruote hanno un grande diametro, meno sentiremo le irregolarità del terreno, nonché pietroline e piccoli buchi o fessure.

Ammortizzatori

L’ammortizzatore rende migliore la guida, smorzando tutte le vibrazioni date dalle piccole irregolarità della strada (pietroline, piastrelle, ciottolato). Solitamente un monopattimo con le ruote piene dovrebbe avere almeno uno o due ammortizzatori.

Freni

Altro argomento molto importante è quello dei freni. Nei monopattini ci sono tre tipi di freni: quelli “di una volta” in cui bisogna schiacciare la ruota posteriore con il parafanghi, quelli a disco azionabili con una classica leva sul manubrio tipo bicicletta e quelli rigenerativi o elettrici, ovvero che ricaricano la batteria.
Nei monopattini di ultima generazione solitamente il freno posteriore è meccanico, quindi o a disco o “vecchio stile”, mentre quello anteriore è rigenerativo.

Mi ricordo ancora quando da piccolo avevo percorso velocissimo una discesa molto ripida in vacanza e alla fine avevo frenato col classico freno meccanico posteriore e mi ero fuso tutta la suola delle infradito (ero in vacanza al mare). Purtroppo per questo motivo mi è un po’ rimasto il pensiero che quello non sia il miglior freno, soprattutto se si raggiungono alte velocità.

Velocità

A seconda della potenza della batteria (espressa in watt) possono variare l’accelerazione e la velocità massima del mezzo. I migliori monopattini per ora arrivano a 30 km/h.
Inoltre gli ultimi monopattini usciti sul mercato hanno due modalità di guida, eco e sport, come le auto. Nel primo caso accelerazione e velocità sono inferiori, ma si risparmia batteria; nel secondo caso le prestazioni sono aumentate, a scapito della batteria. Ça va sans dire…

Peso

Il peso può modificare molto la comodità, non tanto nel momento in cui si guida il monopattino, ma quando lo si deve trasportare.
Una grande soluzione di alcune aziende è stata quella di poter piegare il mezzo trasformandolo quindi in un trolley, così da dimezzare il peso nel momento del trasporto.

App

Molte belle funzionalità si possono trovare nell’applicazione di un monopattino elettrico: si può bloccare rendendolo inutilizzabile, personalizzare le luci di posizione, regolare la velocità nei lunghi rettilinei, regolare la frenata, ecc… Tante belle cose che possono aggiungere qualche punto alla nostra classifica di monopattini, ma non scegliete il vostro futuro mezzo di trasporto in base all’app!

Normativa

Purtroppo ad oggi (Luglio 2019) la normativa sui monopattini elettrici non è ancora chiara.
Al momento non possono viaggiare né su strada, né su pista ciclabile, né su marciapiede… e allora dove? Lo so che non ha senso e che questa legge non è rispettata da nessuno, ma in teoria il monopattino potrebbe essere utilizzato solo su suolo privato.
Per fortuna, visto anche il grande interesse negli ultimi anni verso la mobilità sostenibile, in Italia stanno modificando la normativa che regoli l’utilizzo di questi nuovi mezzi.

Se volete cercare maggiori informazioni vi basterà googlare “normativa monopattino elettrico” e avrete moltissimo da leggere.
Probabilmente ci saranno aggiornamenti entro la fine dell’estate!
Se vuoi leggere un articolo su economyup clicca qui

 


 

I PIÙ VENDUTI SU AMAZON

 

XIAOMI M365

Uno dei quattro principali monopattini elettrici più venduti al giorno oggi su amazon e più utilizzati nelle metropoli di tutto il mondo.
Pesa poco più di 12,2 kg, ha una batteria da 7,8 Ah e si ricarica in 5 ore e mezza.
Il motore è da 250 W nominale, che permette una velocità di 25 km/h.
Può salire pendenze del 14% e l’autonomia dichiarata è di 30 km, quindi quella reale è di circa 20 km.
Le ruote sono con camera d’aria, come anche il modello successivo.
Il prezzo è decisamente accessibile, se vogliamo rimanere su un monopattino di alta qualità.


XIAOMI M365Pro

Esteticamente molto simile al suo modello precedente, descritto sopra, ma più costoso di circa un centinaio di euro.
Complessivamente è più comodo del M365: il manubrio è più alto di 5 cm e più largo di 2 cm, in questo modo abbiamo una maggiore stabilità alla guida e affrontiamo meglio le curve. Inoltre la pedana è sia più lunga che più larga, così da poter stare comodamente su due piedi nei lunghi tragitti.

La batteria è più capiente, misura 12,8 Ah e di conseguenza l’autonomia, il tempo di ricarica e il peso sono maggiori: 30 km di autonomia reale contro i 20 km del modello precedente, 8 ore e mezza contro 5 e mezza e 2 kg in più di peso (14,2 kg).
Le ruote sono uguali al modello precedente, con camera d’aria.
Se foriamo, si possono acquistare qui per una ventina di euro.
I freni sono due: rigenerativo davanti e a disco dietro, ma in questa versione il disco è più largo, il che vuol dire che il consumo delle pastiglie e inferiore.
E su questo punto ci tengo a dire di controllarle spesso per cambiarle quando consumate, per non rovinare il meccanismo del freno stesso.

Molto utile lo schermo, una novità di questo modello, dal quale si può vedere la velocità e modificare le impostazioni, per esempio le modalità di guida, che sono tre: eco, standard e sportiva.
Altra novità è che può salire pendenze del 20%, quindi nessun problema per quelle brevi asperità che possiamo trovare anche in città.
Le luci di posizione sono a led e abbastanza potenti.
L’app si collega via bluetooth per controllare lo stato della batteria, la sua temperatura, la frenata elettrica e per bloccare il monopattino con un codice.

Difetti
– Manubrio che dopo un po’ acquista un po di movimento, molto fastidioso alla guida, esattamente come nel modello precedente.
Il problema è risolvibile con un piccolo pad di gomma che ne riduce il movimento.
Viene venduto anche su amazon: per meno di 10 euro si può trovare qui, per poco più di 10 euro si può trovare qui.
– Parafango troppo delicato e col cavo della luce esposto: anche in questo caso si può trovare un piccolo supporto online che ancora meglio il parafango alla struttura. Per meno di 3 euro potete acquistarlo qui.

Perché sceglierlo rispetto al modello precedente
Complessivamente è uno dei quattro modelli di monopattino elettrico più diffusi nelle grandi città.
Se non abbiamo problemi di soldi e possiamo spendere 100 euro in più, consiglio vivamente di acquistare il modello Pro: l’accelerazione è maggiore, c’è il display e la batteria dura molto più a lungoconsentendoci di fare lunghi tragitti senza preoccuparci di rimanere a secco.


SEGWAY ES1

I due modelli della Segway equivalgono i due modelli della Xiaomi e tutti e quattro sono i monopattini elettrici più venduti su Amazon e i più usati in città.
Nello specifico questo modello ha una velocità di 20 km/h, abbastanza buona, con un’accelerazione leggermente inferiore all’ES2.
L’autonomia è di 20 km, quindi 13 km reali e si ricarica in circa 3 ore.
Come gli altri quattro ha un freno rigenerativo e uno classico “vecchio stile”. Le ruote sono piene, quindi avremmo un po’ meno aderenza ma il vantaggio che non si forano.
In quanto a luci, quella anteriore è a led, mentre dietro c’è solamente un catarifrangente, peccato ma va bene lo stesso.

Per quanto riguarda l’estetica, la batteria si trova nel tubo del manubrio, quindi l’effetto è un monopattino molto elegante e robusto; le manopole sono spugnose, facili da sporcare e altrettanto facili da sostituire; e il display è un po’ piccolo…
Riguardo la guida, l’unico ammortizzatore anteriore compensa la durezza delle ruote piene, rendendo più morbido il manubrio sul terreno instabile.
Infine: questo monopattino, come anche il suo corrispettivo modello successivo, può dotarsi di una seconda batteria aggiuntiva che ne potenzia le prestazioni. Ad esempio la velocità passa da 20 a 25 km/h e l’autonomia dichiarata da 25 a 45 km.

Un buon mezzo, comodo e veloce, non pesa molto ed è sicuramente il più economico tra i suoi simili.
Cosa molto utile: la batteria aggiuntiva si può staccare quando non ci serve, se dobbiamo percorrere un tragitto breve, e si può tenere sempre carica a parte pronta all’utilizzo. Peccato per il costo di 200 euro circa.
Si può acquistare su Amazon a circa 200 € cliccando qui.


SEGWAY ES2

Uno dei modelli più “ricchi”, infatti costa poco meno di 500 euro.
Ruote da 8 pollici, batteria all’interno del tubo del manubrio, ma eventualmente può installare una batteria aggiuntiva esterna, come anche il modello precedente.
Una potenza decisamente superiore, 300 W contro i 250 W dell’ES1.
La velocità massima è 5 km/h maggiore mentre l’autonomia e il tempo di ricarica sono uguali.

Due freni, rigenerativo e “vecchio stile” sul parafanghi.
Due ammortizzatori, che lo rendono adatto anche ad un terreno non perfettamente liscio e quindi complessivamente risulta più comodo da guidare.
Modalità di guida, eco e sport, come anche il modello precedente.
Anche questo ha le ruote piene, quindi stesso discorso sulla guidabilità, già detto e ridetto.

Assoluta novità rispetto a tutti gli altri monopattini elettrici è la modalità cruise control, che ci permette di impostare una velocità fissa per i lunghi rettilinei.
Dall’applicazione, via bluetooth, si può controllare il livello di batteria, si possono personalizzare le luci di posizione, impostare una pasword di sblocco e regolare la velocità massima.
Il peso è nella media, 12,5 kg e le dimensioni sono abbastanza importanti, per esempio per trasportarlo in una classica utilitaria bisogna togliere la cappelliera del portabagagli. Quando invece si trasporta a mano, si può piegare e tenerlo dal manubrio, usando il classico effetto trolley per dimezzarne il peso


REVOE

Un monopattino decisamente inferiore ai quattro descritti sopra che dominano il mercato della mobilità sostenibile.
Le caratteristiche sono più basse, così come il prezzo, il che lo rende decisamente accessibile.
La velocità è più bassa, solo 20 km/h, e l’autonomia pure, solo 10 km reali.
Le ruote sono piene e più piccole rispetto al Segway, di 16 cm circa di diametro e di conseguenza ha anche un ammortizzatore. Anche questo monopattino presenta due freni, uno rigenerativo e uno “vecchio stile” col parafanghi.
Ha entrambe le luci, sia anteriore che posteriore, e il motore è di una potenza media, 250 W.

Il prezzo, decisamente più basso, lo rende comunque un mezzo accettabile nella nostra classifica.


MEGAWHEELS

Monopattino molto simile al Revoe, leggermente inferiore nelle prestazioni e nel prezzo.
La batteria è leggermente più piccola (solo 4 Ah), il che si traduce in un’autonomia più bassa ma anche in un peso più leggero di 1 kg. Le ruote sono più piccole, solo 14 cm di diametro e quindi la guida è decisamente più difficile.
La velocità massima, stranamente è maggiore di 3 km/h.
E infine può salire pendenze del 15%, non male.

A mio parere quest’ultimo monopattino per adulti equivale al Revoe, inferiore rispetto ai quattro top di gamma della Xiaomi. E in effetti anche il prezzo è molto simile, si differenzia solamente per una ventina di euro.
Se vogliamo spendere il meno possibile, scegliamo pure questo monopattino della Megawheels, ma se vogliamo aumentare leggermente le prestazioni, in termini di velocità e autonomia allora spendiamo 20 euro in più e acquistiamo il Revoe.


RAZOR E90

Eccoci arrivati infine al monopattino per bambini: l’azienda infatti lo consiglia dai 5 ai 13 anni. E infatti una volta montato l’altezza del manubrio è di soli 83 cm, il che lo renderebbe molto scomodo per un adulto.
Insomma, un bellissimo giocattolo per iniziare a fare pratica con questa mobilità sostenibile e prepararci a vivere in un prossimo futuro una città senza auto e piena di biciclette e motorino, monopattini e monoruote, tutti elettrici.

Ma vediamo ora di descriverlo un po’.
Le ruote sono piene, molto piccole e leggere, e la pedana è abbastanza larga e confortevole.
Purtroppo il motore non è regolabile: c’è un semplice pulsante sul manubrio che lo accende o lo spegne.
La velocità è di soli 16 km/h, ha un’autonomia di 80 minuti, si ricarica in 5 ore e mezza e ultima cosa un po scomoda, non si può ripiegare su se stesso per essere trasportato. Beh in effetti forse non ce n’è bisogno essendo già abbastanza piccolo e leggero da montato.
Nonostante tutto direi che è un buon prodotto per i soli 120 € a cui viene venduto su Amazon.

Attenzione messaggio per gli adulti: non utilizzatelo perché la portata massima è di soli 54 kg!

 


 

RICAPITOLANDO

 

I MONOPATTINI

Xiaomi M365
Xiaomi M365Pro
Segway ES1
Segway ES2
Revoe
Megawheels
Razor E90

                 

 

GLI ACCESSORI

Batteria per Segway
Camere d’aria per Xiaomi
Supporto parafango per Xiaomi
Pad per manubrio Xiaomi (economico)
Pad per manubrio Xiaomi (costoso)